“Anni Luce” di Gianluca Zonza

change the language from drop menu

Questo è un racconto di chilometri percorsi lentamente e di scenari da ricordare. È una storia sullo scorrere del tempo, sul susseguirsi delle stagioni, sui passi fatti nella quotidianità e nella solitudine. “Anni Luce” ci svela questo mondo in 42 fotografie.

Il narratore è Gianluca Zonza, 25 anni, ligure. Dilatando la routine e partendo alla ricerca di nuove certezze, trova rifugio nella libertà dell’essere soli e scrive con la luce una storia che trascina con sé le esperienze di 5 anni.

Gianluca Zonza Gianluca Zonza

Le sue fotografie sono ritratti di esatti momenti trascorsi. E così questi, fatti in piccole parti, vengono esplorati fino alla più pura e intima sensazione.

Il risultato, come ci dice l’autore, “è un connubio di immaginari silenziosi in cui si mescolano solitudine e moltitudine”, che sanno lasciare spazio all’intimità del momento.

Gianluca Zonza Gianluca Zonza

Gianluca compone questo libro con immagini che mostrano istanti unicamente suoi, di nessun altro, e che raccontano adagio la sua vita. Immersi in un attimo assoluto, i luoghi e i soggetti sembrano distanti ed eterei e ci concedono di vivere un’esperienza alienante ed affascinante. L’osservatore è proiettato in una dimensione in cui sparisce il confine tra realtà e fantasia ed in cui si manifesta “un pezzo di storia delicato, che prende come riferimento il passato e al tempo stesso riflette sul futuro”, in cui, ancora, “i ricordi oscillano tra il riconoscimento geografico e l’interrogazione temporale”.

Gianluca Zonza

Superando il suo travagliato rapporto con la fotografia, abbracciando il suo mistero, l’autore ha imparato a raccontare e a raccontarsi. “Anni Luce” ci parla di lui, delle distanze che ha percorso, delle impressioni che ha indagato, del succedersi dei giorni.

Gianluca Zonza Gianluca Zonza

Gianluca Zonza Gianluca Zonza

Gianluca Zonza

Puoi acquistare “Anni Luce” a questo link CLICCA QUI

 

Immagini di © Gianluca Zonza | Instagram: @gianlucazonza
Scritto da Ilaria Zocco – Tradotto da Valeria Piunno

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here